Regione Piemonte – L’assessore ai trasporti dimissionato da Cota?

Indiscrezioni danno per imminenti le dimissioni dell’assessore regionale, al centro di feroci critiche sul suo operato. Accusata di essere “latitante”, Cota sta pensando di “sacrificarla” all’altare del rimpasto che il governatore offre agli alleati.

Come si diceva un tempo a scuola: ha le capacità, ma non si impegna. Di Barbara Bonino, assessore ai regionale ai Trasporti, nessuno mette in dubbio la brillante intelligenza, ma proprio come quegli scolari indolenti è piuttosto renitente ai suoi doveri d’ufficio. Anzi, per i detrattori è da mesi e mesi “desaparecida”: spesso assente nelle sedute del Consiglio, diserta tavoli e incontri, irrintracciabile persino al telefono, ha progressivamente diradato la sua presenza in pubblico fino a sparire quasi completamente dalla scena regionale. L’ultima bordata è arriva ieri, oltre confine, dal collega ligure Enrico Vesco che dalle colonne dello Spiffero l’ha bacchettata anzitutto per la sua latitanza. La Bonino è come la moglie del tenente Colombo – attacca Vesco – è sempre citata, ma nessuno l’ha mai vista. Oggi è atteso un ennesimo fuoco da parte dell’opposizione, come annuncia Davide Gariglio: «Un’assessore latitante e una Giunta distruttiva. Le parole di Vesco, che lamenta il fatto di non esser mai riuscito a parlare con la collega Bonino dei tagli che hanno lasciato a piedi tanti piemontesi e pendolari liguri, sono le stesse considerazioni che abbiamo fatto noi come gruppo Pd nei vari Consigli Regionali, chiesti per discutere delle scelte politiche sul trasporto pubblico della Giunta Cota. Mi auguro vivamente, prima di tutto da piemontese, che l’incontro di tra Cota e il presidente ligure possa favorire un’inversione delle scelte che hanno massacrato il trasporto tra Piemonte e Liguria. Ma, conoscendo questa Giunta, siamo sicuri che questo non avverrà. Ci riserviamo ulteriori iniziative consiliari sulla base degli esiti».

Chi ha avuto la fortuna di parlare di recente con la Bonino, riferisce che fosse per lei se ne sarebbe andata già molti mesi fa per dedicarsi a tempo pieno a una nuova attività professionale, in un gruppo privato: occupazione che pare la gratifichi molto più della vita amministrativa. La descrivono disinnamorata e delusa dell’esperienza politica di questi ultimi anni, in specie della guida di Roberto Cota. Da parte sua, il governatore, che ne aveva previsto il rimpiazzo prima che la vicenda Rimborsopoli lo travolgesse, pare abbia intenzione di mettere la sua poltrona sul piatto di un rimpasto che starebbe prospettando agli alleati. Un modo, quello di Cota, per esorcizzare il momento e allontare la prospettiva della fine anticipata della legislatura. Simul stabunt simul cadent, dice sibillino un consigliere del centrodestra.

[Fonte: Lospiffero.it]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie, Trasporti locali e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...