Regione Piemonte – Borioli (PD) “Assesorato ai trasporti da commissariare!”

Lo prospetta Borioli, senatore Pd ed ex assessore nella precedente giunta, di fronte alle gravi inadempienze e alla mala gestione di Cota e della titolare delle deleghe Bonino. “La Regione ha firmato un contratto capestro con Trenitalia” – di Stefano RIZZI

“L’atteggiamento tenuto sin qui dalla Regione Piemonte, e in particolare dall’assessore Bonino, è da commissariamento per sussidiarietà”. Mentre nel Palazzo della Liguria, il governatore Claudio Burlando e il suo assessore ai Trasporti Enrico Vesco attendono l’arrivo di Roberto Cota (e forse, chissà, dell’assessore Barbara Bonino) per il vertice sulla spinosa questione delle tratte ferroviarie interregionali, un altro colpo sparato ad alzo zero colpisce Piazza Castello: a puntare contro la politica fallimentare dei trasporti del governo piemontese e paventare la richiesta al Governo di commissariare il Piemonte in materia di Trasporti è il predecessore della Bonino, Daniele Borioli, attuale senatore Pd e membro della Commissione Trasporti di Palazzo Madama.

«Gli accordi di Tivoli del 1998, nel ripartire le competenze tra le diverse regioni sulle linee interregionali ponevano in capo alle regioni competenti per ciascuna linea interregionale l’obbligo di provvedere ai servizi anche per i cittadini utenti delle altre regioni interessate dalla linea – premette Borioli in un colloquio con Lo Spiffero –.Il tutto da realizzarsi attraverso lo strumento dell’intesa fra le regioni nella programmazione delle corse. Ciò significa che la decisione unilaterale della Giunta del Piemonte di tagliare un numero molto consistente di collegamenti con la Liguria, attribuiti alla competenza regionale piemontese, è non solo segno ulteriore dell’arroganza e dell’insipienza di cui l’assessore Bonino ha dato ripetuta prova in questi anni, ma è anche una palese disattesa dei compiti istituzionali attribuiti dalla legge». Borioli, non si ferma alla condanna senz’appello di colei che gli è succeduta nella gestione della politica dei trasporti piemontese, ma fa un annuncio pesante, ancora in forse solo per poche ore: quante ne restano per conoscere l’esito del vertice Ligure-Piemonte di Genova.  «Se non fosse raggiunta un’intesa con la Liguria, valuterò se non sia il caso di farmi promotore di un’iniziativa presso il Governo, che porti appunto a “sussidiare” la Regione Piemonte, ponendo rimedio alle sue inadempienze verso l’utenza di entrambe le regioni».

Per il senatore ed ex assessore regionale, inoltre, «un’ulteriore paradossale aspetto della nuova programmazione oraria, varata da Trenitalia con l’assenso della Regione Piemonte, è costituito dalla soppressione inusitata di moltissime fermate intermedie, soprattutto nelle piccole stazioni, lungo le direttrici principali. In questo modo, si dice, si velocizzano i tempi di percorso tra le città principali. Cosa vera, che però porta con sé il totale snaturamento del servizio ferroviario regionale e interregionale, che ha nella capillarità delle fermate una delle sue principali caratteristiche». La Regione Piemonte, con questo tanto decantato intervento, secondo Borioli «svolge con i soldi destinati al trasporto ferroviario regionale servizi del tutti analoghi agli Intercity e agli Eurostarcity, che sono invece servizi che dovrebbero essere gestiti, o interamente a carico di Trenitalia, o con la contribuzione che lo stato destina a tale segmento. Così facendo, in sostanza, i Piemontesi pagano i bilanci di Trenitalia o, nel migliore dei casi, come la sacrestia che fa l’elemosina al Vescovo, pagano servizi che dovrebbero essere a carico dello Stato».

La ragione di tutto questo? «Probabilmente, anche questa paradossale situazione è figlia dell’enorme partita debitori accumulata in tre anni dalla Giunta Cota (350 milioni di euro di verso il sistema del trasporto locale), che si è oltremodo esposta con Trenitalia, firmando un contratto onerosissimo, che non è in grado di onorare e che la pone nelle condizioni di dover soggiacere a ogni diktat delle Ferrovie dello Stato».

Infine, nell’atto di accusa del senatore democratico trova posto pure  lo smantellamento integrale di una parte significativa delle linee minori. «Linee integralmente chiuse, destinate all’abbandono, all’incuria e alla rapida obsolescenza, quasi sempre selezionate in base a criteri di semplice opportunità politica (la presenza o meno di amministrazioni amiche, o valutazioni relative alla rilevanza elettorale dei territori per la parte politica d’appartenenza dell’assessore o del presidente»).

Per Borioli, «in molti casi, su alcune linee, il servizio ferroviario è stato completamente cancellato e integralmente sostituito con collegamenti bus, che solo in alcuni casi si collocano come parallelismi alle linee ferroviarie, a seconda della conformazione del territorio. In questo modo, si misura un’ulteriore impronta di subalternità della Regione a Fs, che sta da tempo perseguendo il disegno di allargare il proprio campo d’attività anche alla gomma, e in questo modo riesce a conquistare avamposti, naturalmente in posizione di vantaggio». Sul fronte delle linee minori, «alcuni mesi fa, l’assessore Bonino non ha mancato di raccontare la barzelletta secondo cui le linee minori (quelle da cui via via i treni sono stati cancellati) sarebbero state oggetto di gare ad evidenza pubblica per lo svolgimento del servizio di trasporto ferroviario passeggeri. Com’era ovvio prevedere – conclude Borioli – non se ne è più saputo nulla. Do fronte a simili atteggiamenti non resta che citare Flaiano: “La cosa è grave ma non seria”».

[Fonte: Lospiffero.it]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie, Trasporti locali e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...