Regione Piemonte – Sanità: Ospedale di Pomaretto due giorni di protesta!

Sindaci e cittadini, uniti, scenderanno nuovamente in piazza, sabato 29 e domenica 30 giugno, per ribadire il loro “no” alla chiusura dell’Ospedale di Pomaretto. Lo faranno con un corteo che da Perosa sfilerà alla volta dell’Ospedale, dove è previsto un momento informativo sulle ultime intenzioni regionali. Venerdì 28, infatti, una delegazione di sindaci della Val Chisone sarà ricevuto dal Prefetto, in un incontro in cui è stato convocato anche l’assessore regionale alla sanità Ugo Cavallera.

Da “L’Eco del Chisone” ed. on line di Mercoledì 26 giugno 2013 a cura di Sofia D’Agostino.

E’ fissata per sabato 29 e domenica 30, a Perosa,  la manifestazione contro la chiusura dell’ospedale di Pomaretto. Il Comitato spontaneo costituitosi nei mesi scorsi per iniziativa di semplici cittadini, sindaci della valle e operatori della struttura,  dà appuntmaento alla popolazione delle valli e del Pinerolese alle 15,30 davanti al piazzale della Novacoop di Perosa, quindi, alle 16, si procederà in corteo fin alla struttura di Pomaretto, dove è previsto un momento informativo sulle  ultime intenzioni regionali riguardo il futuro destino delle strutture valdesi di valle. Venerdì 28, infatti, il sindaco di Pomaretto, Danilo Breusa, e una delegazione di suoi colleghi della valle, sarà ricevuto dal Prefetto,  in un incontro che dovrebbe vedere presente anche l’assessore regionale alla sanità, Ugo Cavallera. «Abbiamo richiesto questo incontro da tempo, auspichiamo sia presente e intenda confrontarsi con noi», ha detto Danilo Breusa, ribadendo l’intenzione di andare  in fondo a questa battaglia. «La legge è dalla nostra parte – sottolinea – la presenza di posti letto dedicati alla post-acuzie (Lungodegenza e Riabilitazione ndr.) è nei limiti stabiliti dal Ministro Balduzzi,  non possiamo accettare che ci vengano tolti per essere tutti dirottati sul territorio della ex ASL 5». La manifestazione ha trovato una nuova e forte motiviazione in seguito all’annuncio della direzione dell’ASL TO 3 di voler chiudere dal 1° luglio tutto il secondo piano dell’Ospedale di Pomaretto, accorpando in un unico nucleo sia la Lungodegenza che la Riabilitazione, tagliando di fatto 15 posti letto. La stessa operazione è stata messa in atto dal 17 giugno nella struttura di Torre Pellice. Il provvedimento, ha giustificato l’Azienda sanitaria di Pinerolo-Collegno sarebbe stato preso per consentire il momentaneo trasferimento di personale dlgli ospedali valdesi all’Agnelli di Pinerolo, consentendo ai dipendenti di quest’ultimo di effettuare le ferie. Ma considerati i tempi e le intenzioni, il sindaco Breusa non si fida affatto: «Chi ci assicura che al 1° ottobre la situazione torni com prima? Non possiamo rischiare, quei posti letto ci servono come il pane».

Domenica la manifestazione vedrà un presidio presso piazza III° Alpini, a Perosa, e probabilmente all’Ospedale di Pomaretto, che il Comitato pensa di occupare simbolicamente.

Sofia D’Agostino

Altre notizie nella sezione sanità.

[Fonte: ecodelchisone.it]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie, Sanità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...