Regione Piemonte – Sanità: Chiudere le Federazioni o non chiuderle questo il dilemma!

Dopo che il Tavolo Ministeriale ha bocciato le Federazioni Sovrazonali, il Tribunale amministrativo stoppa il provvedimento della Regione sul San Luigi di Orbassano e il Santa Croce di Moncalieri, il ricorso presentato dalla FEDIR sulla legittimità delle federazioni, il ricorso presentato dal sindacato dei dirigenti medici Anaao e la denuncia della FIMMG sullo stato del servizio di emergenza del 118, la giunta COTA ed il suo neoassesore Cavallera entra in confusione causando ulteriori perdite di tempo per ottimizzare la gestione del SSN e ridare un servizio pubblico nuovo e più efficiente ai cittadini tutti.

Questo report a cura di Monica Cerutti consigliera di SEL in Regione Piemonte.

Federazioni, ancora nomine e altri soldi sprecati: ma non dovevano essere chiuse? Cavallera non si sottragga alle proprie responsabilità!

Il caos delle nomine all’interno delle Federazioni sanitarie è frutto della confusione operativa della Giunta regionale: se le strutture volute da Monferino sono destinate a scomparire dal panorama sanitario piemontese perché ancora vengono nominati dirigenti, direttori, capi-federazioni e chi più ne ha, più ne metta?

Il caso sollevato dall’ANAAO, il sindacato dei medici dirigenti, oltre a far meditare sulle modalità con le quali vengono scelte le figure che devono ricoprire gli incarichi, ci lascia perplessi sui tempi della nomina. Le federazioni, infatti, ufficiosamente sono state bocciate, ufficialmente però lo scioglimento deve essere deliberato dall’assemblea delle stesse previa autorizzazione della Regione. Lo abbiamo ricordato martedì. Il fatto che la Regione abbia preso tempo e non abbia ancora dato la propria autorizzazione avrà come conseguenza che le federazioni rimarranno in piedi fino a fine 2013: un ulteriore spreco di denaro in epoca di spending review.

Dobbiamo dedurne che per questa Giunta regionale è lecito chiudere gli ospedali, interrompere la continuità della cura, ridurre l’assistenza sanitaria a chi non è autosufficiente e isolare i territori, ma non è lecito chiudere strutture che sono vere e proprie macchine da sperpero di denaro pubblico? Cavallera non si sottragga alle proprie responsabilità e faccia i passi necessari verso la chiusura definitiva delle federazioni sanitarie, l’eredità scomoda di Monferino.

Emodinamiche, lo psicodramma del centrodestra: Spagnuolo minaccia le dimissioni, Cavallera fa melina!

Sulle emodinamiche va in scena lo psicodramma della Giunta Cota: la Spagnuolo minaccia le dimissioni da Presidente della Commissione Sanità e Cavallera si rifiuta di fare chiarezza sul pronunciamento del TAR in merito alle emodinamiche. Evidentemente anche parte della stessa maggioranza è stufa dell’atteggiamento dell’assessore che apre apparentemente al dialogo solo per perdere tempo.

Sulle emodinamiche quale è la posizione della Giunta regionale? Quella di Cavallera che dice di voler approfondire in commissione il funzionamente di queste prima di deciderne la sorte, o quella di Pichetto che ha già annunciato il ricorso al Consiglio di Stato? Il Consiglio regionale ha ancora un ruolo nella vita decisionale, democratica e amministrativa dell’ente regionale oppure gli uomini di Cota hanno deciso di spostare la discussione esclusivamente dentro le aule di tribunale?

Cavallera ha dichiarato che non siamo in condizioni normali e che lui non è l’assessore agli affari legali, ma vogliamo ricordargli che è l’assessore alla Sanità e che ci deve dire che futuro prevede per le emodinamiche. Non può continuare a trincerarsi dietro i suoi continui “non dico”.

L’assessore sta diventando il Re della melina. Un esempio è la questione delle federazioni: ufficiosamente sono state bocciate, ufficialmente però lo scioglimento deve essere deliberato dall’assemblea delle stesse previa autorizzazione della Regione. Cosa aspetta Cavallera ad avviare la procedura per la chiusura definitiva delle federazioni?

[Fonte: monicacerutti.com]

Dal sito ANAAO: AMOS. L’Assessorato vuole diffondere il modello a tutte le aziende sanitarie. La lettera di Morgagni in esclusiva e i diversi retroscena.

Scarica i documenti deliberati del piano di riordino della sanità:

DELIBERA      ALLEGATO      TABELLE

Qui solo l’elenco delle chiusure degli ospedali e delle strutture con la data di cessazione!

Altri approfondimenti nella sezione sanità.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie, Sanità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...