CSI Piemonte: Regione e comuni non pagano e le imprese dell’indotto chiudono!!!

Fine anno drammatico con la probabile cessazione dell’attività di molte piccole aziende fornitrici. Colpa dei mancati trasferimenti di Regione Comune di Torino. Cna: “Costretti a pagare penali o correre il rischio di denunce”.

Un anno senza ricevere un solo pagamento dal Csi Piemonte: «colpa di Regione e Comune di Torino che hanno letteralmente congelato i trasferimento al consorzio che questo mese rischia addirittura di non pagare lo stipendio ai propri dipendenti». La denuncia – l’ennesima- arriva dalla Cna. «La posizione del Csi secondo la quale se la Regione non paga il Csi non può pagare non è una risposta accettabile» spoiega il responsabile Comunicazione e Terziario Avanzato, Vitaliano Alessio Stefanoni, dell’organizzazione degli artigiani. «Siamo consapevoli e comprendiamo molto bene la difficile posizione in cui si trova il Csi, letteralmente tra l’incudine e il martello. Ma in questo momento di grave crisi economica, soprattutto gli enti di emanazione pubblica dovrebbero avere ben chiaro l’impatto sociale prima ancora che economico che il mancato pagamento delle prestazioni erogate da parte delle imprese private comporta. Dietro il lavoro delle imprese, soprattutto piccole, ci sono le famiglie, molte famiglie che rischiano di precipitare nella povertà e nei debiti».

Il paradosso degli appalti del Csi è questo: un numero molto elevato di piccole imprese è stato realmente coinvolto, come mai era accaduto fino ad oggi, nei bandi per le nuove prestazioni di servizio e queste imprese sono proprio quelle che concretamente hanno mobilitato il numero maggiore di dipendenti operativi (stipendiati o a progetto). Si tratta, in media, di 5-10 addetti impegnati per ogni piccola azienda che lavora per il Csi che determina al di là dei mancati incassi un enorme costo di personale. In media, le piccole aziende vantano nei confronti del Csi Piemonte crediti non onorati che oscillano dai 200 mila agli 800 mila euro. Cifre forse non gravi per aziende più strutturate che stringendo i denti possono continuare ad attendere, ma assolutamente fatali per le imprese di minori dimensioni che rischiano di chiudere i battenti entro la fine del 2012.

[Fonte: Lospiffero.com]

CSI Piemonte: Un gruppo americano interessato all’acquisto!

CSI Piemonte: la maggioranza regionale è divisa e non prende posizione. La situazione è sempre più drammatica per i dipendenti del consorzio.

CSI Piemonte: continua la baraonda. Azienda allo sbando!

CSI Piemonte: amministrazione straordinaria e commissariamento!

CSI Piemonte: al via la privatizzazione.

CSI Piemonte: licenziamenti e mobilità.

Regione Piemonte – Ict, la riforma del CSI resta al palo!

CSI Piemonte: l’ultima parola all’Antitrust!

CSI Piemonte: il direttore prepara le valigie!

CSI Piemonte: C’è Intesa San Paolo dietro al comissariamento!

CSI Piemonte: giunta al palo, direttore in trincea!

CSI Piemonte: il direttore suona l’allarme preventivo!

Guarda il video dell’incontro: CSI: prima il perché e poi il come.

CSI Pemonte: Altro che salvaguardia dei posti di lavoro come sostiene Giordano!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a CSI Piemonte: Regione e comuni non pagano e le imprese dell’indotto chiudono!!!

  1. Pingback: CSI Piemonte: La politica non decide e la cassa integrazione fa capolino! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  2. Pingback: CSI Piemonte: Un dipendente su sei in cassa integrazione! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  3. Pingback: CSI Piemonte: Altra svendita del patrimonio pubblico? | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  4. Pingback: CSI Piemonte: almeno 100 dipendenti inutili! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  5. Pingback: CSI Piemonte: presidenza al “fratello” Zappalà! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  6. Pingback: CSI Piemonte: direttore accompagnato alla porta! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  7. Pingback: CSI Piemonte: il nuovo direttore sarà nominato dalla politica! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  8. Pingback: CSI Piemonte: buonuscita d’oro per l’ex dg De Capitani! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  9. Pingback: CSI Piemonte – La riorganizzazione cambia nome! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...