CSI Piemonte: Un gruppo americano interessato all’acquisto!

Scontro Giordano-Monferino e la “riforma” del consorzio finisce nel caos. Le Asl si astengono sul documento e l’assessore alla Sanità, dopo un duro confronto con il collega, annuncia in giunta l’interesse da parte di un gruppo Usa.

Ci sarebbe un gruppo americano interessato a rilevare il Csi. Lo ha rivelato ieri sera, nel corso di una giunta regionale fiume, l’assessore alla Sanità Paolo Monferino al culmine dello scontro con il collega Massimo Giordano, a dir poco inviperito per l’astensione delle Asl sul documento di riorganizzazione del consorzio presentato in mattinata all’assemblea dei soci. Un “incidente” che ha nei fatti delegittimato l’azione di Giordano, rischiando di far saltare la faticosa mediazione raggiunta alla vigilia tra gli enti principali. Sollecitato dal governatore, Monferino ha innestato una rapida retromarcia, rubricando il comportamento a un “eccesso di zelo” da parte dei funzionari, ma intanto la Regione ha rimediato l’ennesima brutta figura.

Sono peraltro note le riserve di Monferino sulla qualità e, soprattutto, sulla convenienza economica, dei servizi resi dal Csi, a suo giudizio troppo spesso “fuori mercato”: da qui l’esigenza da parte delle aziende sanitarie di individuare fornitori più vantaggiosi. Diverso l’intento di Giordano: per poter assicurare il necessario “appeal” a futuri acquirenti è necessario che la “pancia” del Csi sia piena di commesse, e quelle relative alla Sanità sono le più consistenti e appetibili. Le aziende sanitarie sconfessando l’assessore Giordano, insomma hanno mostrato riserve soprattutto sul punto in cui si prevede di «impegnare i soci a far convergere verso il CSI Piemonte l’insieme delle attività da essi affidate a terzi in materia di ICT, a condizione che le stesse vengano realizzate dal Consorzio in termini economicamente vantaggiosi per i Soci». Secondo alcuni analisti contattati da corso Regina, infatti, nel comparto della sanità del Consorzio ci sarebbe ben poco di buono, conveniente e utile per l’Ict del comparto. E questa scelta “al buio” avrebbe compromesso gli investimenti degli ultimi vent’anni, non creando nessuna economia, pregiudicando qualsiasi effettiva razionalizzazione dei costi. Ora saranno costretti a rimangiarsi tutto, non senza strascichi, giacché Giordano pare determinato a chiedere la testa di chi ha tramato alle sue spalle.

L’armistizio per il momento prevede la nomina di tre consulenti da affiancare all’attuale board che segua l’iter di riordino dell’ente e la sua parziale o totale privatizzazione. Una sorta di commissariamento soft che offra maggiori garanzie alle forze politiche (un posto sarebbe stato promesso al turbolento Pdl) e ai soci.

[Fonte: Lospiffero.com]

CSI Piemonte: la maggioranza regionale è divisa e non prende posizione. La situazione è sempre più drammatica per i dipendenti del consorzio.

CSI Piemonte: continua la baraonda. Azienda allo sbando!

CSI Piemonte: amministrazione straordinaria e commissariamento!

CSI Piemonte: al via la privatizzazione.

CSI Piemonte: licenziamenti e mobilità.

Regione Piemonte – Ict, la riforma del CSI resta al palo!

CSI Piemonte: l’ultima parola all’Antitrust!

CSI Piemonte: il direttore prepara le valigie!

CSI Piemonte: C’è Intesa San Paolo dietro al comissariamento!

CSI Piemonte: giunta al palo, direttore in trincea!

CSI Piemonte: il direttore suona l’allarme preventivo!

Guarda il video dell’incontro: CSI: prima il perché e poi il come.

CSI Pemonte: Altro che salvaguardia dei posti di lavoro come sostiene Giordano!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a CSI Piemonte: Un gruppo americano interessato all’acquisto!

  1. Pingback: Regione Piemonte: Dopo le divisioni sul ruolo del CSI Piemonte Giordano e Monferino sono ai ferri corti! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  2. Pingback: CSI Piemonte: Regione e comuni non pagano e le imprese dell’indotto chiudono!!! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  3. Pingback: CSI Piemonte: La politica non decide e la cassa integrazione fa capolino! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  4. Pingback: CSI Piemonte: Un dipendente su sei in cassa integrazione! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  5. Pingback: CSI Piemonte: Altra svendita del patrimonio pubblico? | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  6. Pingback: CSI Piemonte: almeno 100 dipendenti inutili! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  7. Pingback: CSI Piemonte: presidenza al “fratello” Zappalà! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  8. Pingback: CSI Piemonte: direttore accompagnato alla porta! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  9. Pingback: CSI Piemonte: il nuovo direttore sarà nominato dalla politica! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  10. Pingback: CSI Piemonte: buonuscita d’oro per l’ex dg De Capitani! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

  11. Pingback: CSI Piemonte – La riorganizzazione cambia nome! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...