FIAT: Mar”p”ionne sostiene che non chiede aiuti pubblici? Falso!

Lo slogan di Fabbrica Italia!

Fiat continua a battere cassa. Marchionne sostiene che non chiede aiuti pubblici? Falso: che fine hanno fatto i 70 milioni concessi dallo Stato per l’auto elettrica? Se lo domanda il ministro dell’Ambiente Clini.

Marchionne lingua biforcuta. Mentre all’estero, l’amministratore delegato di Fiat racconta di non aver chiesto sostegni di alcuna natura né allo Stato né alla Comunità europea, zitto zitto nei mesi scorsi si è messo in berta una settantina di milioni erogati dal Ministero dell’Ambiente per progetti relativi all’auto elettrica. Insomma, si apre un altro capitolo della polemica sulla casa del Lingotto, che ha coinvolto l’imprenditoria italiana e i sindacati, ma anche il Governo, che la scorsa settimana si è visto costretto a convocare i vertici del gruppo torinese per capire le sue intenzioni riguardo l’Italia.

Vi sono ancora delle questioni in sospeso, come quella dei fondi statali concessi a Fiat per lo sviluppo dell’auto elettrica, dei quali il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini chiede conto al Lingotto. “Fiat deve dare una risposta”, ha detto Clini, polemizzando un po’con Torino ed aggiungendo: “Mi sarebbe piaciuto oggi venire con una macchina elettrica di Fiat”.  Poi, Il ministro ha ricordato che solo il suo ufficio ha concesso a Fiat 30 milioni di euro per la ricerca e lo sviluppo delle auto elettriche e ad idrogeno. Inoltre, il collega della Ricerca aveva contribuito per altri 40 milioni sullo sviluppo della Multipla ibrida.

Clini ha poi precisato che il lavoro fatto da Fiat sino ad oggi con i soldi pubblici non può andar perso e che il discorso dovrebbe vertere sulle strategie di lungo periodo, perché magari il mercato italiano non soddisfa la domanda di auto tradizionali, ma potrebbe mostrare maggior interesse per auto “diverse”.

 [Fonte: Lospiffero.com]

Altre notizie correlate cliccando qui!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in FIAT, Notizie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a FIAT: Mar”p”ionne sostiene che non chiede aiuti pubblici? Falso!

  1. DARIO CICCHERO ha detto:

    La cosa assurda è che la fiat (voluntas sua) fu la prima casa automobilistica a commercializzare un’auto o meglio un’utilitaria elettrica la “panda elettra” e non lo fece qualche anno fa lo fece nel 1990. Oltre tutto quella macchina venne usata per dotare la città in quello che si potrebbe chiamare il “proto-carsharing”, chi si ricorda in piazza Vittorio le care panda elettra che si potevano affittare in un modo molto simile a quello che oggi è il carsharing? I pionieri dell’auto elettrica oggi sono lontanissimi da quella tecnologia… e fosse la prima volta che per qualche motivo strano non sviluppano un idea interessante e che potrebbe anche aiutare l’ambiente e poi magari quell’idea dopo anni la troviamo brevettata da altri e montata sulle auto fiat…

  2. DARIO CICCHERO ha detto:

    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1995/07/02/progetto-fiat-panda-elettra-ma-noleggio.html

    un articolo del 1995 legato alle panda elettra…
    quando la fiat investiva ancora qualcosa in modo “utile”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...