Comune di Pinerolo – Hotel Cavalieri cambio di destinazione d’uso e legittimi sospetti?

Nella serata del Consiglio Comunale di Pinerolo del 24 settembre 2012 era prevista la discussione e il voto della deliberazione N. 2/309 avente ad oggetto “CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL’ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. ALL’IMMOBILIARE AURELIA’83 S.R.L. PER CAMBIO DI DESTINAZIONE D’USO.” (Leggi o scarica il testo della delibera proposta)

Nell’ambito del Consiglio stesso veniva presentata a cura del Gruppo “Pinerolo per Camusso” una richiesta di ritiro della deliberazione di cui sopra per pregiudiziale (Leggi il testo della pregiudiziale) sottoscritta dai Consiglieri Francesco Camusso (Pinerolo per Camusso), Piera Bessone (Lega Nord) e Massimiliano Puca (PDL). Questo documento, riconoscendo  la legittimità dell’atto, poneva alcuni questioni meritevoli di un approfondimento ulteriore da parte della commissione urbanistica in quanto affrontata nella commissione competente solo il 20 settembre 2012 quali l’urgenza dell’approvazione ed il merito rispetto ad alcuni aspetti tecnici e giuridici come rilevato nel testo della richiesta.

Nell’ambito della discussione i firmatari facevano presente che la situazione relativa all’oggetto della delibera erà gia conosciuta fin dall’ottobre 2011 (data in cui l’Hotel Cavalieri richiedeva la sospensione dell’attività alberghiera fino al 30 settembre 2012) e che l’Immobiliare Aurelia ’83 S.r.l. aveva già comunicato al comune di Pinerolo, nel giugno 2012 due possibili modalità di variazione d’uso dell’immobile in questione, per salvaguardare l’attività di somministrazione correlata Ristorante Pizzeria Filodendro s.r.l. ed i relativi posti di lavoro, poichè le due attività non potevano essere disgiunte come spiegato nel testo della delibera. Inoltre si domandavano come mai visti i tempi esposti sopra si fosse arrivati al 25 settembre per deliberare una variante così a ridosso delle scadenze di autorizzazione, non consentendo da parte dei consiglieri tutti  la possibilità di approfondire l’argomento. Rilevavano inoltre che il cambio di destinazione d’uso da Turistico Ricettiva a Commercio al Dettaglio veniva fatta solo per la parte di immobile dove è insediata l’attività lasciando il corpo dell’albergo con uso alberghiero ma non idoneo a proseguire quell’attività perchè carente delle necessarie caratteristiche tecniche e normative e quindi non lasciando capire quale sarebbe il destino del resto dell’edificio.  Veniva anche spiegato che l’edificio in quanto categoria speciale non può essere suddiviso in parti, ma deve essere necessariamente un unico corpo, in questa delibera la nuova unità che si verrebbe a costituire sarebbe una nuova unità immobiliare cedibile singolarmente.

Il consigliere Camusso si domandava come mai si proponesse questa delibera senza aver calcolato quali sarebbero gli oneri da versare al Comune per il cambio, da lui calcolati in circa 180.000 euro.

Il consigliere Clement (Federazione della Sinistra) affermava che visto che il 30 settembre era molto vicino e che ci sono in ballo 13 posti di lavoro era opportuno deliberare in fretta onde evitare la chiusura dell’attività di somministrazione e quindi non perdersi in tecnicismi.

Il consigliere Camusso ribatteva affermando che in caso di approvazione in questi termini si poteva procedere ad una denuncia alla Corte dei Conti con la possibilità di richiedere il danno erariale ai funzionari ed a coloro che avrebbero approvato la delibera. Ribadisce inoltre che non si comprende come mai si sia aspettato l’ultimo momento per l’esame di questa problematica.

Nei corridoi del consiglio Massimiliano Puca (PDL) mi faceva notare come dalla visure camerali (fatte alle ore 19.06 del 24 settembre) nella società Filodendro s.r.l. un assessore della giunta abbia una quota del 5% (pari a 500 euro su un capitale sociale di 10.000 euro) e che l’urgenza di questa deliberazione potrebbe far pensare male. Io non voglio pensare male di nessuno, perchè in una città come Pinerolo è facile che alcuni amministratori possano avere dei conflitti d’interesse, ma il fatto di ritrovarsi ad approvare delle delibere con urgenza e poi scop’ire dei conflitti d’interesse non è bello per un amministrazione pubblica. Forse in questi casi sarebbe utile per evitare facili illazioni che l’amministrazione comunichi preventivamente il conflitto che si potrebbe configurare, d’altronde non è nient’altro che quanto richiesto dal gruppo SEL-Covato per Pinerolo nella famosa delibera sulla trasparenza di cui sembra si siano perse le tracce.

In fine di serata veniva posta in votazione la richiesta di sospensione della delibera che veniva bocciata con il voto contrario compatto della maggioranza ed il voto favorevole dell’opposizione con l’assenza dei consiglieri Giorgio Canal e Paolo Covato (SEL-Covato per Pinerolo).

La seduta proseguiva con l’illustrazione della delibera da parte del Sindaco ed il rinvio della discussione con la presentazione degli emendamenti alla delibera stessa a questa sera 25 febbraio alle ore 20.00 in Consiglio Comunale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in I miei pensieri!, Notizie, Pinerolo - Notizie dal Comune, Urbanistica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Comune di Pinerolo – Hotel Cavalieri cambio di destinazione d’uso e legittimi sospetti?

  1. Pingback: Comune di Pinerolo – Hotel Cavalieri ritirata la delibera dalla maggioranza! | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...