CSI Piemonte: “chiarezza sull’operato del direttore!”.

Il Pdl chiede di far luce sulla gestione di De Capitani. “Dice di non avere soldi per gli stipendi ma ha aumentato di 8 volte gli affidamenti esterni”. All’insaputa della Regione.

Qual è la reale situazione economica e finanziaria del Csi, il consorzio pubblico per il sistema informativo piemontese, che da mesi attende di sapere quale sarà il proprio destino? Nelle scorse settimane il direttore Stefano De Capitani aveva lanciato l’allarme sulla carenza di fondi, tale da mettere a repentaglio il pagamento degli stipendi dei circa 1.200 dipendenti. Eppure contemporaneamente lo stesso manager avrebbe aumentato «in maniera esponenziale gli investimenti, esternalizzando i servizi». A chiedere di far luce sull’attuale gestione della società è Massimiliano Motta, consigliere pidiellino di Palazzo Lascaris e longa manus di Agostino Ghiglia nel mondo del sottogoverno regionale, che annuncia la presentazione di un’interrogazione al governatore Roberto Cota e agli assessori Massimo Giordano e Paolo Monferino, dopo aver presenziato all’audizione in Prima Commissione dei firmatari di una petizione (che ha raccolto oltre 4.500 firme alle quali si sommano ulteriori  1.000 adesioni on-line) volta a conoscere il futuro del CSI Piemonte.

«Nello scorso mese di luglio – spiega l’esponente del Pdl – De Capitani lamentava le difficoltà di pagare gli stipendi ai dipendenti. Ciò nonostante il 31 luglio il Consiglio di Amministrazione approvava l’indizione della gara d’appalto per l’acquisizione del SIRAC, il sistema unico contabile. Una spesa presunta di 15-20 milioni di euro che né l’assessore alla Sanità Monferino né l’assessore all’Innovazione Giordano hanno autorizzato e che, peraltro, non dispone di alcuna copertura finanziaria. L’incoerenza tra questi due comportamenti è tanto palese quanto grave. Non è neppure immaginabile che un amministratore serio indica gare per commesse così importanti mentre non riesce a pagare gli stipendi».

Secondo la ricostruzione che fa Motta, nel 2009 il Consorzio investiva 3,4 milioni di euro, che si riducevano a 2,5 milioni nel 2010. «Con l’arrivo di De Capitani i valori sono schizzati in alto: 15,3 milioni nel 2011 e 20,1 milioni nel 2012. Cifre 8 volte superiori a quelle degli anni precedenti, che denotano una pericolosa tendenza ad esternalizzare i servizi. In un momento di contrazione economica il direttore del CSI ha pensato bene di utilizzare i fondi a sua disposizione dando appalti alle ditte esterne, di fatto indebolendo l’autonomia e la crescita del know-how del Csi».

Ma il vertice della società pare reticente a fornire spiegazioni e documentazione. «Viste le difficoltà del Csi nel fornire dati e documenti – conclude Motta – mi vedo costretto a procedere con interrogazioni e question-time da affrontare in Consiglio regionale, cosa sempre spiacevole per un consigliere di maggioranza. Fino ad oggi ho chiesto il semplice accesso agli atti, dovuto per legge agli amministratori. Ma per ottenere le carte ho dovuto continuare a fare pressanti sollecitazioni, altrimenti i documenti da me richiesti sarebbero rimasti nei cassetti della sede del Csi di Corso Unione Sovietica. Occorre vedere chiaro nella documentazione amministrativa del Csi per comprendere quali logiche abbiano guidato la gestione di questi ultimi anni, anche in funzione della riforma che il Consiglio regionale si appresta a varare: De Capitani scopra le sue carte e relazioni senza reticenze».

[Fonte: Lospiffero.com]

CSI Piemonte: giunta al palo, direttore in trincea!

CSI Piemonte: il direttore suona l’allarme preventivo!

Guarda il video dell’incontro: CSI: prima il perché e poi il come.

CSI Pemonte: Altro che salvaguardia dei posti di lavoro come sostiene Giordano!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...