Regione Piemonte – Bilancio di previsione con il trucco!

Leggendo la documentazione contabile della Regione si scoprono notevoli inconguenze. A partire dalla contemporanea presenza di un avanzo e di un disavanzo.  Giochetti che mascherano la realtà.

Interessante considerazione sul bilancio di previsione della Regione Piemonte pubblicata da Carlo Manacorda, docente Scienza delle finanze, Università di Torino sullo Spiffero.com che riporto integralmente.

All’epoca di Tangentopoli, si diceva che a Milano la giustizia fosse amministrata con “rito ambrosiano”. Leggendo le notizie di questi giorni sui bilanci della Regione Piemonte, sembrerebbe che essi siano fatti applicando un “rito piemontese”. Infatti, desta stupore quanto si apprende (sempre che i lettori abbiano capito ciò che è stato detto) in merito a cifre che, contabilmente, si riferiscono alla stessa data e dovrebbero, di massima, coincidere. In base a calcoli reali – e non a giustificazioni di circostanza -, al 31 dicembre 2011 i conti della Regione darebbero, contemporaneamente, due risultati: un avanzo (cioè una maggiore disponibilità di risorse) di 160 milioni, e un disavanzo (cioè una minore disponibilità di risorse) di 485 milioni. Ora, poiché: a) le regole contabili su queste materie – universalmente applicate – non consentono interpretazioni soggettive; b) i bilanci sono insiemi di numeri che si sommano e si sottraggono, e la matematica non è un’opinione; c) possono esistere, per varie ragioni, differenze tra i risultati che compaiono nel conto finale dell’anno precedente e quelli indicati nel bilancio di previsione di quello successivo, ma non così vistose e contraddittorie come quelle registrate nei bilanci della Regione, merita fare qualche riflessione sulla questione, non dimenticando che la conoscenza dello stato reale delle finanze pubbliche non è un’esclusiva dei componenti dei consigli dei vari enti pubblici, ma un diritto di tutti i cittadini, diritto della democrazia. Tali componenti sono stati messi lì da noi per amministrare non denari loro ma i nostri denari – che ahimè! ci sono stati “succhiati” con le tasse.

Si legge che il bilancio di previsione 2012 fotografa la situazione delle finanze regionali a settembre 2011 (da altra parte si dice al 31 dicembre 2011, ma poco importa) e che, a quella data, si ipotizzava un risultato positivo di 160 milioni. Il risultato positivo è stato indicato, come maggiore disponibilità, per il 2012 in via presuntiva, ma il suo utilizzo è subordinato agli accertamenti che verranno fatti chiudendo i conti del 2011. Questo quadro potrebbe forse reggere se le operazioni relative al bilancio 2012 fossero avvenute nei tempi previsti dalla legge e, cioè, discussione e approvazione prima del 1° gennaio 2012; allora sì che l’avanzo poteva essere indicato in via presuntiva, salvo poi correggerlo, chiudendo i conti 2011, con i risultati finali del rendiconto 2011. Tutte le amministrazioni pubbliche seguono queste regole stabilite dalla legge, e procedono poi a rivedere i dati del bilancio – assestamento – entro le date previste dai loro ordinamenti per questa operazione (per la Regione ciò avverrebbe, per il bilancio 2012, entro il 30 giugno del 2012; lo stabilisce, espressamente, la sua legge di contabilità).

Nel caso della Regione c’è stato, nei fatti, un sovvertimento dei termini: il bilancio di previsione 2012 si discute e si approva non prima dell’inizio del 2012 ma a metà dello stesso anno – ed avendo anche superato tutti i tempi massimi previsti dalle norme. Sembrerebbe però che nel frattempo, quanto meno di fatto, si siano già chiusi e resi noti i conti del 2011, accertando un disavanzo di 485 milioni. Che senso ha, allora, fare finta di ignorare che cosa avverrà chiudendo i conti 2011? Il fatto stesso che si dica che l’avanzo indicato nel bilancio 2012 potrà essere utilizzato solo dopo la chiusura dei conti 2011 dà da intendere che si tratta di una somma puramente virtuale, messa lì soltanto per esigenze di quadratura contabile. Ma così il bilancio non è veritiero. E che il bilancio debba dire il vero è una regola aurea di tutti i bilanci, pubblici e privati.

Altre notizie dicono che i 485 milioni erano una somma eccessivamente pessimistica, e che ormai i conti sono migliorati attraverso recuperi già avvenuti nel 2011. Sempre guardando alle date in cui si parla, e cioè a metà 2012, per poter indicare un avanzo di 160 milioni si dovrebbe pensare che ci siano stati recuperi per 645 milioni (485 + 160), avendo cioè assorbito i 485 milioni del disavanzo e avendo una differenza positiva, sebbene presunta, di 160 milioni. Per la verità, va detto che le norme contabili richiederebbero di fare esattamente l’opposto di quello che sembra essere stato fatto. Il bilancio di previsione 2012 dovrebbe indicare un/il presunto disavanzo 2011 (se è così), da correggere coi miglioramenti che saranno accertati chiudendo definitivamente i conti del 2011.

Il rispetto dei cittadini-contribuenti imporrebbe di non ricorrere a questi ingenui giochetti contabili. Si accerti una buona volta (finora c’è stato un balletto infinito di cifre, sempre ben evidenziato da Lo Spiffero) qual è il risultato effettivo dei conti della Regione. Se si confermerà un avanzo, ne saremo tutti lieti. Se c’è un buco, lo si dica ai cittadini indicandone l’esatto importo nel bilancio (hanno diritto di conoscerlo, e non interessa sapere di chi è la colpa: questo è dibattito politico o, se del caso, materia d’indagine della magistratura) e spiegando come si pensa di tapparlo (le norme contabili richiederebbero questa procedura; non seguirla espone a comportamenti molto criticabili, se non illegittimi).

Tutto questo lascia ancora più perplessi pensando che, a breve, le regioni dovranno cambiare i sistemi di contabilità. Se con gli attuali, che hanno un rodaggio ormai quarantennale, si arriva a questi risultati, cosa avverrà applicando regole sconosciute?

[Fonte: Lospiffero.com]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie, Quello che non vi dicono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...