Regione Piemonte – Sanità: Monferino suona il Piano, l’Idv balla!

L’assessore alla Sanità invita il consigliere dipietrista Cursio a tenere una relazione a un convegno, lui accetta indispettendo colleghi di partito e coalizione. Buquicchio: “Un atto gravissimo”.

Un convegno di qua, una strizzatina d’occhi di là. Paolo Monferino (nella foto a destra) ha deciso di mettere in campo tutto il suo charme per assicurarsi l’approvazione del Piano sanitario entro la deadline stabilita, l’inizio di marzo, in modo da avviare la riorganizzazione delle aziende sanitarie contemporaneamente al rinnovo dei vertici delle direzioni di Asl e Aso. A consigliare prudenza e malie diplomatiche è il rischio che l’iter di quella che per Roberto Cota e la sua maggioranza è la madre di tutte le riforme, si trasformi in un percorso accidentato in Consiglio, rinfocolando tentazioni ostruzionistiche, mai del tutto sopite.

In questo quadro si inserisce l’invito recapitato al consigliere dipietrista Luigi Cursio per svolgere una relazione al convegno di domani, sabato 28 gennaio, a Torino al Centro Incontri della Regione Piemonte. Previsti i saluti del governatore, una introduzione di Monferino, gli interventi dei presidenti degli ordini di medici e farmacisti, direttori di Asl e addetti ai lavori vari. A rappresentare Palazzo Lascaris sarà l’esponente dell’Idv, che disserterà sullo “Stato attuale e prospettive della sanità in Piemonte”. Una scelta quanto meno inusuale, che ha indispettito il proprio capogruppo Andrea Buquicchio («non ne so niente, ma se fosse vero sarebbe grave, anzi gravissimo visto che non ha neanche avvisato i suoi compagni di partito») e alcuni colleghi della minoranza, soprattutto del Pd. Contattato telefonicamente dallo Spiffero Cursio ha ribadito: «Ho risposto a una sollecitazione proveniente dalla Regione per parlare di un tema come gli sprechi nel settore farmaceutico, del quale mi occupo da tempo».

Intanto per Monferino l’obiettivo è raggiunto. Dopotutto l’opposizione, che è sempre più sfilacciata, ha ottenuto già molto: in parte snaturando l’impianto stesso del piano (sparita la separazione degli ospedali dal territorio), in parte condizionando il percorso (è stata salvaguardata la regia politica – leggi: lottizzazione –  del Piano). E pazienza se del provvedimento originario è rimasto poco o niente. A Cota serve una stelletta da piazzare sul petto, il contenuto non è più blindato da tempo. E Monferino, sornione, accontenta tutti  e si erge a interlocutore universale. L’importante, oggi, è superare la guerriglia dell’assemblea. Domani, si vedrà.

Il comunicato ufficiale della Regione Piemonte con altri approfondimenti!

Altri approfondimenti nella sezione sanità.

[Fonte: Lospiffero.com]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie, Quello che non vi dicono, Sanità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...