Regione Piemonte – Sanità: Regione e Asl non si parlano. E ci rimettono gli anziani!

L’amministrazione con una mano dà e con l’altra prende: aumenta i fondi per gli over 65, ma le aziende sanitarie tagliano le residenze convenzionate. Denuncia l’Anaste : “Manca il coordinamento”!

Con un mano dà e con l’altra prende. Nell’ultimo anno la Regione ha aumentato i fondi per gli anziani non autosufficienti, ma nonostante ciò diminuisce la domanda delle Asl alle strutture specializzate. A denunciarlo è l’Anaste, Associazione nazionale strutture per la terza età, che raggruppa una serie di istituti convenzionati con la Regione, nell’ultimo sondaggio dedicato appunto alle Rsa per anziani non autosufficienti.

Secondo quanto si evince dallo studio si è verificato un calo del 3% del fatturato delle Residenze convenzionate, ed una diminuzione del 13% delle giornate di degenza acquistate dalle Aziende sanitarie locali. Secondo quanto riportato dal conto economico programmatico 2011/2012, piazza Castello ha garantito alla voce “Altra assistenza da privato” 483,4 milioni per l’anno in corso, quasi venti in più rispetto ai 465,2 del 2010. Com’è possibile allora che la richiesta diminuisca? Che questi fondi vengano utilizzati per far quadrare i bilanci delle Asl? «Già lo studio del 2010 fece emergere come i direttori delle cinque Asl torinesi non avevano distribuito i fondi regionali destinati alle Rsa per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro, relativo al biennio 2008-2009 – spiega il presidente regionale dell’Anaste Michele Alessandri -. Quei quattrini erano stati stanziati con la Dgr 84-11911 del 28 luglio 2009, e alle suddette Asl sono stati girati ben 4,5 milioni di euro, che invece di essere stati liquidati ai legittimi destinatari, sono stati “fagocitati” nei bilanci delle aziende sanitarie per altri motivi. Trattandosi di un importo considerevole per i nostri bilanci, abbiamo presentato un esposto ai Carabinieri del NAS di Torino, che hanno concluso le indagini denunciando i cinque Direttori Generali per abuso d’ufficio».

I numeri in questo caso sono emblematici. Rispetto al 2007 la Regione ha aumentato la dotazione di posti letto per gli ultrasessantacinquenni, passando da 15,8 a 22,8 ogni mille over 65. In totale sono 22.965 sul territorio piemontese. Ma allora perché si verifica una contrazione nelle prese in carico dei pazienti? Si legge ancora nella relazione allegata al sondaggio Anaste: «È evidente la mancanza di coordinamento dei Commissari straordinari delle Asl da parte del Governo regionale, che pone obiettivi di salute poi disattesi dagli stessi Commissari. Questa carenza si è manifestata palesemente con la pubblicazione della determina dirigenziale 275 del 13 aprile 2011, con la quale l’Assessorato regionale alla Sanità rendeva nota la ricognizione dei posti letto autorizzati al 31 marzo 2011: mancava, e manca a tutt’oggi, la colonna con il numero dei posti letto convenzionati suddiviso per Asl». E gli anziani in lista d’attesa in Piemonte superano le 20 mila unità.

[Fonte: Lospiffero.com]

Post correlati:

Regione Piemonte – Sanità: I sindaci pinerolesi: stanno facendo a pezzi la sanità.

Regione Piemonte – Sanità: Iodice nel mirino di Monferino.

Regione Piemonte – Sanità: Piano, piano… sanitario. Centrodestra in panne!

Regione Piemonte – Sanità: Pdl nel pallone. Il contropiede di Cota mette gli azzurri fuorigioco.

Regione Piemonte – Sanitopoli, arrestata la Ferrero: agiva per interesse politico.

Regione Piemonte – ’Ndrangheta, Le cosche e la Ferrero: “Lei può darci appalti”.

Regione Piemonte – Sanità senza pace: emodinamica di Chivasso, indagato il commissario dell’Asl Renzo Secreto.

Regione Piemonte – Sanità: PDL: semaforo verde per Monferino ma in cambio le Attività Produttive.

Regione Piemonte – Sanità: La razionalizzazione di Cota e i tagli di Tremonti: a chi serve davvero la riforma della sanità?

Regione Piemonte – Sanità: Ferrero esce di scena, Monferino verso la nomina.

Regione Piemonte – Sanità: Tangenti, il centrodestra scappa dalle responsabilità.

Regione Piemonte – Sanità: Su Dea e Pronto soccorso Cota inganna i piemontesi!

Questa voce è stata pubblicata in Notizie, Quello che non vi dicono, Sanità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...