TAV – Maroni: a Torino un gruppo di interforze per difendere gli appalti della TAV.

Il colloquio tra il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, e il procuratore capo, Giancarlo Caselli, che mette in evidenza un quadro inquietante: «Dall’inchiesta – spiega il ministro – emerge una presenza molto forte della criminalità organizzata e il rischio che possa infiltrarsi anche negli appalti per le grandi opere».

E Maroni, che è venuto a Torino per un vertice sull’apertura del cantiere Tav a Chiomonte (nella foto il presidio), annuncia che «anche a Torino, così come all’Aquila (per il terremoto) e a Milano (per l’Expo), sarà costituito un gruppo operativo specializzato interforze per prevenire infiltrazioni mafiose negli appalti per la Tav».

Appalti miliardari, circa 10 miliardi solo per la tratta internazionale della nuova linea, che fanno gola, soprattutto in tempi di crisi. E così da tempo i comitati che si oppongono al progetto scrivono sulle montagne valsusine: «Tav = mafia». Per garantire la trasparenza l’ex presidente della Regione, Mercedes Bresso, aveva firmato un protocollo d’intesa con la Dda, la direzione distrettuale antimafia, per avviare un monitoraggio. Idea rilanciata dal governatore Roberto Cota e che da ieri ha fatto un ulteriore passo avanti con l’annuncio dell’avvio del lavoro di intelligence.

Già perché Maroni, alla fine della riunione del comitato per l’Ordine e la sicurezza, ribadisce l’intenzione del governo di aprire il cantiere nei tempi fissati dall’Ue. E per garantire la sicurezza non sarà impiegato l’esercito ma i «professionisti» cioè polizia, carabinieri e guardia di finanza. Poi il ministro si rivolge agli amministratori locali: «Mi auguro che i sindaci siano dalla nostra parte, anzi, sono certo che lo saranno e conto anche sul loro contributo per evitare all’Italia una figuraccia mondiale». Anche perché «se non si fa l’opera saremo costretti a pagare le penalità e la spesa sarebbe equivalente a quella che dovremmo pagare per realizzarla».

La risposta dei sindaci? Apprezzamento della decisione di non utilizzare l’esercito, conferma dell’assoluta legalità delle loro azioni ma nessuna collaborazione con il governo per «evitare la figuraccia mondiale». Sandro Plano, presidente della Comunità Montana Valsusa/Valsangone, anche a nome dei sindaci di centrosinistra, ribadisce la «contrarietà ad un opera che giudichiamo dannosa, inutile e costosa. E spiega: «Abbiamo la sensazione di essere trattati come una colonia. Gli amministratori locali sono stati esclusi da una discussione incentrata sulla sicurezza nei loro territori e dei loro concittadini». Per Plano si tratta di «un rapporto istituzionale non corretto». Del resto «il fatto che solo ieri siano stati messi a disposizione i primi venti milioni dei trecento previsti dall’accordo sottoscritto nel 2009 la dice lunga sulla realizzabilità delle promesse di sviluppo del nostro territorio».

E il comitato No Tav di Torino ha lanciato un appello per la legalità e la democrazia in Valsusa che parte dal rifiuto «dell’idea che «la realizzazione di una grande opera possa ridursi ad un problema di ordine pubblico» firmato finora dal segretario della Fiom, Federico Bellono, da Emegency, Unione Cultarale Franco Antonicelli, Pro Natura, ManiTese Torino, Officine Corsare e dai docenti universitari Sergi e Algostino.

[Fonte: La Stampa]

Notizie correlate: 

‘Ndrangheta, Caselli: “Una vergogna, voto di scambio a qualsiasi livello”.

Di Pace ai sindaci della Valsusa: “Proteste sì, ma non alla Maddalena”.

Il Pd: “Il governo si muova sulla Tav. Nessun amministratore alle iniziative dei violenti”.

Proiettili e minacce a Esposito e Merlo!

Esposito e Merlo (Pd): “Le forze dell’ordine attendono un segnale chiaro”.

Il Governo: Sì Tav. Ma “not in my name”.

Sulla Tav Vattimo fa infuriare il Pd: “Niente cantiere, l’Ue cancelli i fondi”! 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie, TAV in Valle di Susa e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a TAV – Maroni: a Torino un gruppo di interforze per difendere gli appalti della TAV.

  1. Pingback: TAV – In settimana il blitz a Chiomonte. | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere a cura di Franco Stano.

  2. Pingback: TAV – Guccini dalla parte dei No Tav. L’assessore Bonino: “Movimento eversivo”. | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere a cura di Franco Stano.

  3. Pingback: TAV – No Tav, il giorno dopo: “E’ la nostra Valle, l’assedio al cantiere continuerà”. | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere a cura di Franco Stano.

  4. Pingback: TAV – Nel centrosinistra 2 elettori su 5 contro il Tav. Curto: “L’opera va rivista”. | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere a cura di Franco Stano.

  5. Pingback: TAV – Fiaccolata NOTAV a Torino venerdì 8 luglio alle ore 21 in Piazza Arbarello. | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere a cura di Franco Stano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...